Settore Protocollo Generale e Archivio
PoloEst | Home |
Logo Provincia
Sei in:  Home-Archivio > Presentazione
Immagine Spaziatrice Il Settore > Presentazione

Un patrimonio di storia e cultura al servizio della collettività
In un archivio le immagini d'un tempo ci vengono incontro. Come capita sfogliando un libro o guardando un film. Ci raccontano luoghi che non abbiamo mai visto così. Ci parlano di persone che non abbiamo mai conosciuto, ma di cui forse abbiamo sentito parlare. Sono immagini e parole che provocano emozioni, nostalgie, curiosità.
Aprire, riordinare, catalogare e ora finalmente rendere pubblici i materiali custoditi dal 1867 a oggi nell'Archivio della Provincia di Venezia – ben quattro chilometri di fascicoli e ad oggi circa un migliaio di fotografie - ci ha permesso di ricostruire in modo dettagliato, e in certi casi sorprendente, la storia di questo ente.
E ci ha offerto un'occasione unica: quella di comprendere fino in fondo quanto questo patrimonio di memoria sia il privilegiato depositario della storia dell’Ente, del suo territorio, della sua gente. Un bene culturale inalienabile, proprio in quanto memoria storica di un luogo. Da difendere e valorizzare. E soprattutto da mettere a disposizione della collettività.


Nel marzo 1861 quando, con re Vittorio Emanuele II, nasce il Regno d’Italia, la Provincia di Venezia è ancora sotto la dominazione austriaca. Nell'agosto 1866, la pace di Praga fra Italia e Austria decreta il passaggio del Veneto all'Italia, ma bisognerà attendere il 21 ottobre di quello stesso anno perché un plebiscito ne sancisca la definitiva annessione al Regno d’Italia.

Le prime elezioni del Consiglio Provinciale si svolgono il 23 dicembre 1866: nei distretti di cui si compone il territorio della Provincia (Venezia, Mestre, Dolo, Chioggia, Mirano, San Donà e Portogruaro) vengono eletti quaranta consiglieri, proclamati ufficialmente il 6 gennaio 1867. Il 21 gennaio viene convocato il primo Consiglio Provinciale di Venezia dell’Italia unita ed eletto il primo presidente: Leopoldo Martinengo.

Sono trascorsi oltre 140 anni da quei giorni e così tanta storia ha attraversato il nostro Ente.

Tanta storia e tante storie. Documenti e immagini che ci raccontano vita pubblica e privata dei nostri luoghi. La costruzione di numerosi edifici scolastici, dal Sarpi al Pacinotti, l'abbandono dei casoni di Caorle e la realizzazione di nuove case, i soggiorni nelle colonie alpine. E ancora l'inaugurazione di ponti, strade e infrastrutture. Dalla Romea, nel tratto da Venezia a Chioggia, al cavalcavia di San Giuliano a Mestre. Dalla sistemazione della strada Triestina, con i collegamenti stradali alla fascia costiera, al nuovo Aeroporto Marco Polo di Tessera, inaugurato nel 1961 e realizzato con il contributo della Provincia di Venezia che aderiva al Consorzio per lo Sviluppo delle Comunicazioni Aeree delle Venezie.

Tanta storia e tante storie che l'Archivio della Provincia di Venezia – ora in parte consultabile anche online e comunque sempre a disposizione di studiosi e scuole - ci restituisce con dovizia di particolari: documenti, rapporti, immagini che raccontano la vita dell'Ente dal 1867 ai giorni nostri .

Come capita a volte sfogliando un libro o guardando un film, le immagini d'un tempo ci vengono
incontro. Immagini d'archivio. Immagini vissute, un po' ingiallite forse, di luoghi che non abbiamo mai visto così, di persone che non abbiamo mai conosciuto ma di cui, forse, abbiamo sentito parlare.
Immagini che provocano emozioni, nostalgie, curiosità. Si avrebbe voglia di non fermarsi più, di continuare a vedere e scoprire.

Aprire, riordinare, catalogare e ora finalmente rendere pubblici i materiali custoditi dal 1867 a oggi nell'Archivio della Provincia di Venezia – con un’estensione di circa quattro chilometri - permette, attraverso documenti ufficiali e immagini, di ricostruire in modo dettagliato e in certi casi sorprendente, la storia di questo ente e della sua gente.

Le trame di una lunga avventura istituzionale si annodano nella sezione fotografica, che raccoglie, ad oggi, un migliaio circa di immagini dagli anni Trenta alla fine degli anni Sessanta. Si ricompongono nella documentazione che dà conto dei Presidenti che si sono succeduti a Ca' Corner. Si riallacciano ripercorrendo l'evoluzione dello stemma dell'Ente. Ma danno conto anche di storie particolarissime, come quella della colonia montana di Acquabona, a due passi da Cortina d'Ampezzo, che oggi non esiste più, ma che in molti ancora ricordano lungo la statale Alemagna.
Rivisitare, e in un certo senso ricomporre i materiali conservati dall'Archivio per renderli accessibili da Internet, ci ha offerto un'occasione unica. Quella di comprendere davvero quanto l'Archivio vissuto come memoria di parole e immagini sia privilegiato depositario della storia dell’Ente, del suo territorio, della sua gente. Di ognuno di noi.
Un bene culturale inalienabile e di tutti. Da difendere e valorizzare. E soprattutto da mettere a disposizione della collettività.

Riferimenti
Sede dell'Archivio Generale
Via Catene, 95
30175 Marghera Venezia
Tel. 0412586151 - 0412586152 - 0412586153
Fax. 0412586150
Contattaci via e-mail